Archivi del mese: marzo 2009

Le delusioni…

                

Le delusioni sono continuamente dietro l’angolo, ed è assurdo il modo con cui ti piombano all’improvviso. Per un secondo o due il tuo cuore rallenta di qualche battito, e poi riprende a pompare sempre più velocemente finchè anche il solo respirare diventa difficile. Una spina si conficca dentro, fa male, e ti rendi conto che il ricordo dell’ultima volta non era così doloroso. Il ricordo appunto. Solo il ricordo. In questi momenti ho sempre cercato di non pensare, richiamando alla memoria anche le cose più stupide, ma questa tattica funziona solo per qualche secondo. Dopo di che ogni mia piccola parte del corpo si impegna ad autocommiserarsi e a riflettere su come sarebbe stato bello se fosse accaduto il contrario. Ma non si può sempre dire o spiegare il perchè della nostra delusione: se lo diciamo a qualcuno ad altavoce, o lo scriviamo così come adesso sto facendo, quella delusione si fa più vicina, e il presagio che ne consegue sempre più reale. Allora rimane li, in un angolo, che pulsa insistentemente con un desiderio sempre più grande di farci soccombere. Rimane li, in un angolo, quel presagio forse fittizio ed esagerato, forse vero e concreto, creato dalla nostra fantasia troppo sviluppata o dalla realtà oggettiva, quel presagio che nascondiamo a tutti, e a cui diamo vita solo quando siamo sicuri di essere soli…

Annunci