Mutatis Mutandis

Ha un bel titolo questo intervento no? Però attenzione, per chi non lo sapesse “Mutatis Mutandis” non significa “cambiate le mutande” (anche se qualcuno forse lo dovrebbe fare) ma “cambiare ciò che deve essere cambiato”. In realtà questa postilla originariamente doveva avere un altro titolo ma queste due parole mi sembravano più appropiate e mi sono sempre piaciute (qualcuno si starà chiedendo cosa ci trovo di bello nelle parole “cambiate le mutande”? Lasciate perdere!!!).

Ritorniamo a noi. Ultimamente mi capita fin troppo spesso di incantarmi a riflettere sul mondo, che come sanno tutti ormai è diventato uno schifo in tutti i sensi possibili e immaginabili. Adesso mi verrebbe da dilungarmi sui due sensi che prediligo (per modo di dire) ma non lo faccio. Un po’ di tempo fa mi svagavo con un gioco pescato su internet (di cui il nome adesso mi sfugge), in cui il personaggio tra tante altre cose poteva entrare in un negozio e scegliere il mondo che più gli aggradava. Wow, ho pensato. Che spasso!…

<<Mammaaa, esco a comprare un mondo nuovo!>>

<<Ah ok, non tornare tardi per la cena.>>

Nel negozio:

<<Buongiorno! Cerco un mondo nuovo.>>

<<Guardi, li c’è un catalogo, devo avvertirla però che i mondi acquatici sono finiti.>>

<<Abbondanza di surfisti eh??? Mmmmmmh vediamo,mondi infernali no, mondi sadomasi nemmeno, mondi urticanti (?), ah ecco, mondi sobri e cristallini: solo gente intelligente e rispettosa (a parte 1% di quella stronza, ma un po’ di divertimento a prenderli in giro non può mancare..), natura incontaminata al 100%, un buon governo, 0% corruzione, 0% importanza ai soldi, scambi efficaci tra l’uomo e la natura, 0% inquinamento…e così via..Prendo questo!.>>

<<Grazie e ritorni presto, arriveranno i mondi bibliotecosi (termine coniato da me).>>

<<Oooooooh.>>

Beh, diciamo che non sarebbe male poter usufruire di un posto del genere e far scomparire in un attimo tutto quello che più ci infastidisce. Ma questa è solo una splendida utopia, non esistono botteghe del genere ( a meno che prima di entrare in un negozio di scarpe non ti fumi qualcosa), non esistono commessi che avanzano proposte allettanti, e con questo alludo al mondo bibliotecoso…e per finire non esistono mamme che ti dicono solo “Ah ok, non tornare tardi per la cena” ma invece ne conosco molte che dicono: “Dove vai, con chi vai, quando torni, perchè vai, come vai, con cosa vai”, e a volte mi viene un dubbio: ma i nostri genitori erano dei giornalisti nella vita passata? No perchè ho avuto l’impressione che la stoffa dei giornalisti non scarseggi…

Annunci

Informazioni su Ehipi

"Attualmente non mi conosco" (Alda Merini) Vedi tutti gli articoli di Ehipi

One response to “Mutatis Mutandis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: