Siamo.

Siamo punti invisibili in un universo immenso.
Siamo minuscole creature che cercano la profondità in un bicchiere,
il calore in un camino spento.
Il mondo, così piccolo rispetto al tutto, ci appare un buco nero,
freddo, terribilmente incerto.
Cerchiamo il senso della nostra esistenza
come un cucciolo cerca la propria madre,
sparita nel nulla o nascosta.
Sentiamo il peso di qualcosa che non ci appartiene ancora,
immensa, sbiadita.
Annusiamo l’odore di sensazioni nuove eppure antiche,
rivangate da colori vivaci, punti interrogativi.
Le domande si accatastano in fondo al cuore che pulsa,
doloroso, forse vivo.
Davanti a finestre fragili e opache osserviamo il mondo,
guardiamo il nostro riflesso,
frastagliato, lacunoso.
Burattini di azioni istintive, di ordini supremi,
siamo noi, o forse no.
Qualcosa siamo, ma non sappiamo cosa.
Sembra una ricerca infinita la nostra,
una corsa continua, un ferirsi costante.
Siamo carne, sangue,
siamo stelle e lacrime.
Siamo borse capienti, ma non troppo.
Siamo stanchi di correre, ma non ci fermiamo,
non ancora.
Siamo tutto quello che per adesso non vorremmo essere.
Eppure siamo qui, immobili, indecisi, ma vivi.
Respiriamo per natura,
per istinto non siamo ancora pronti a soccombere.
Non ancora.

Annunci

Informazioni su Ehipi

"Attualmente non mi conosco" (Alda Merini) Vedi tutti gli articoli di Ehipi

2 responses to “Siamo.

  • Ehipi

    Mi devo fare pubblicità 🙂 No, a parte gli scherzi non ho mai avuto molta gente nemmeno nel vecchio blog, quindi come cosa non mi è nuova. Per quanto riguarda la sfiducia, io e lei andiamo di paripasso. L’amore esiste..si probabile, l’amore e le sue sfaccettature. Però ancora si cerca molto, oltre all’amore. Spero che Hesse mi aiuti davvero 🙂

  • thisisdemian

    Ho letto un po’ di cose. Mi è sembrato strano vedere pochi commenti. Ho poi visto citato Hermann Hesse. E mi son fatto un pensiero molto positivo. Purtroppo però in questo post leggo di un inclinazione alla sfiducia. Sembra quasi che faccia tutto per inerzia e che sia sul punto di perder la speranza. A questo riguardo il buon Hesse potrebbe con le sue parole fartela ritrovare. Io direi soltanto che l’amore esiste, ed è quello a farti sentire grande in un universo più grande di te. Io mi sento più che un punto un ‘duepunti’, aperto agli altri, all’amore che vive in questo mondo. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: