Una possibilità dentro un sogno.

Ci sono mattine strane, mattine con un sogno ancora stretto tra gli occhi e una speranza stretta tra le pareti del cuore. C’è un profumo nuovo e una sensazione nostalgica. Dura poco, solo il tempo di risvegliarsi da quel torpore e rendersi conto che era un sogno, un illusione. Pochi attimi, ma per niente poveri. Una miriade di sensazioni e pensieri, squarci di sogno e immagini fisse risalgono agli occhi che, chiusi, non permettono a niente di uscire e morire alla luce del sole. Stordito il corpo, sorpresa la mente, che pensa, ripensa, e sente. Una speranza, un sorriso. Tra le mani percepisce un oggetto per potersi riscattare, quella famosa gomma che cancella gli errori. Una possibilità dentro un sogno. Rammento parole, periodi. Stessi luogi di adesso, anime cupe in egual modo, e frasi dette per sollevarle, per innalzarle a qualcosa di più puro. C’erano litigi, e poi la pace, sorrisi e poi promesse. C’era quella voglia di sentirsi parte di qualcosa che comprendeva due mondi diversi, il mio e il suo. C’era qualcosa che cambiava, un affetto sempre più grande, una rabbia sempre crescente per essere lontani, e la paura della verità, la verità del cuore e dello stomaco in subbuglio. E poi giorni veloci, così veloci da togliere il fiato. C’era la luna dentro una notte fresca, c’era il mare agitato come la nostra mente confusa. C’era l’illusione del controllo e gli sguardi fuori programma. Ma tutto finisce. Ci sono volte che non controlli, sei tu contro qualcosa di più grande. Ci sono state parole dure, taglienti, che fanno male. Altri litigi, nessuna pace. Ci sono stati gli addii, bruschi e veloci. E poi ci fu un ritorno, illusione anche questa. Finì presto, così come era iniziato. Errore su errore.
Gli occhi si aprono, il sole fuori aspetta. Rimane amarezza, delusione, e la mano non stringe nessuna gomma, solo una punta del cuscino. Gli errori sono errori, rimangono dove stanno. Sono ferite che non si rimarginano, puoi nasconderle con un po’ di trucco, ma sono lì, presenti.
C’era una volta qualcuno come me, ma diverso da me. C’è un pensiero che si chiede quando finirà il dolore dell’impotenza. Sa bene che ciò che fa male è la consapevolezza di aver commesso un errore, ma non aver trovato rimedio adatto.
Troppo grande è l’istinto che si seguì allora, e, forse, si stava andando contro il destino, se davvero esiste. E, forse, contro il destino non si può andare, a volte per fortuna direi.

Annunci

Informazioni su Ehipi

"Attualmente non mi conosco" (Alda Merini) Vedi tutti gli articoli di Ehipi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: